È una Roma in crescita

La Roma di Fonseca ottiene la prima vittoria stagionale contro il Sassuolo. Un risultato sicuramente meritato, che poteva essere perfino più ampio, come dimostrano gli xG della partita.

Gli xG prodotti e subiti dalla Roma nelle prime tre giornate di campionato (fonte: www.understat.com)

Il miglioramento rispetto alle gare contro il Genoa e la Lazio è stato quindi evidente, con una differenza di gol attesi che è passata da 1,5 a 2,11. Cerchiamo allora di capire quali sono stati gli aspetti che hanno contribuito a questa crescita in così poco tempo, al netto ovviamente degli avversari.

L’adattamento sui terzini

“Dovevo adattarmi al calcio italiano.”

Paulo Fonseca (dopo Roma-Sassuolo)

Il primo fattore che ha probabilmente permesso alla Roma di migliorare dal punto di vista difensivo è l’adattamento compiuto da mister Fonseca sui terzini. È ormai risaputo infatti che gli esterni bassi del tecnico portoghese devono accompagnare sempre molto l’azione in contemporanea, per dare ampiezza alla manovra offensiva. E così è accaduto contro il Genoa alla prima giornata del campionato giallorosso.

Le posizioni medie della Roma contro il Genoa (fonte: www.tacticsplatform.com)

Fonseca ha però capito subito che qualcosa non funzionava a dovere in fase di transizione negativa in quel modo. E ha deciso quindi di correre ai ripari, tenendo a turno un terzino più bloccato dietro in marcatura preventiva (di solito il destro). Ecco allora che contro il Sassuolo la posizione media di Florenzi è stata molto più bassa di quella di Kolarov, come si può vedere dal grafico qui sotto.

Le posizioni medie della Roma contro il Sassuolo (fonte: www.tacticsplatform.com)

La Roma ha così potuto avere sempre 5 uomini dietro in fase di transizione difensiva, limitando moltissimo i problemi di equilibrio visti nelle prime giornate. Inoltre, la manovra offensiva non ci ha rimesso più di tanto, grazie alla capacità di Kluivert di dare ampiezza sulla fascia destra, creando quindi una linea di trequartisti a 4 e non a 5, come eravamo invece abituati a vedere nello Shakhtar di Fonseca.

Roma-Genoa (5 trequartisti)
Roma-Sassuolo (4 trequartisti)

Questo cambio porterà sicuramente delle conseguenze anche nelle turnazioni della Roma da qui in avanti. È probabile infatti che vedremo a volte Mancini come terzino destro bloccato e Florenzi come ala destra. Mentre i due trequartisti centrali saranno alternativamente Mkhitaryan, Pellegrini e Zaniolo e svolgeranno un lavoro più da mezzale che da fantasisti puri. Non è detto comunque che questa sia una soluzione tattica definitiva e intoccabile, ma è di certo l’opzione principale di Fonseca al momento per dare più equilibrio alla squadra.

Il lavoro di Veretout

Un altro importante fattore della crescita della Roma è stato ovviamente l’innesto di Jordan Veretout in mediana. Contro il Sassuolo, il francese ha dominato il centrocampo, dando quantità e qualità alla formazione giallorossa, sembrando a tratti essere ovunque.

Heatmap di Veretout contro il Sassuolo (fonte: SofaScore)

Il suo contributo principale è stato a livello di incontrismo. Nella partita contro la Lazio, i mediani romanisti non avevano vinto nemmeno un contrasto, risultando spesso troppo statici e molli. Contro i neroverdi, invece, Jordan ha vinto ben 4 contrasti, tentandone 10 in totale e dando un incredibile dinamismo a tutto il reparto, grazie ad una continua aggressione e rincorsa degli avversari in possesso del pallone.

I dati di Veretout contro il Sassuolo (fonte: SofaScore)

Non va comunque dimenticato l’apporto di Veretout con la palla tra i piedi, visto i 67 tocchi effettuati (primo giocatore giallorosso in questo dato) e il 91% dei passaggi completati in 90 minuti. Insomma, il francese ha cambiato il centrocampo della Roma, dando maggior sicurezza alla difesa e facilitando enormemente il lavoro dei propri compagni.

A tutto pressing

Un grave difetto della Roma delle prime due giornate di campionato è stata la scarsa efficacia nel pressing sul portatore di palla avversario. Sono stati davvero pochi, infatti, i contrasti vinti nella metà campo altrui durante le gare contro Genoa e Lazio, soprattutto considerando le richieste di mister Fonseca in tal senso.

Jordan Veretout

Per fortuna anche in questo aspetto la Roma è migliorata tantissimo con il Sassuolo. Basti pensare che contro i rossoblù sono stati appena 2 i contrasti vinti nella metà campo avversaria e contro i biancocelesti soltanto 1. Invece, domenica scorsa gli uomini di Fonseca hanno vinto ben 6 contrasti nella metà campo neroverde, grazie ad un pressing nettamente più efficace del solito. Un’arma che se consolidata darà tantissimo aiuto al gioco della Roma in questa stagione.

I contrasti vinti in Roma-Genoa (fonte: www.whoscored.com)
I contrasti vinti in Lazio-Roma (fonte: www.whoscored.com)
Infine i contrasti vinti in Roma-Sassuolo (fonte: www.whoscored.com)

Pellegrini nel suo vero ruolo

Passando alla fase offensiva, un fattore determinante è stata certamente la posizione in campo di Lorenzo Pellegrini. Il ruolo più avanzato ha permesso al giocatore romano di essere maggiormente spensierato e di far vedere tutte le proprie qualità tecniche.

Heatmap di Pellegrini contro il Sassuolo (fonte: SofaScore)

Non è un caso insomma se Pellegrini ha toccato 66 palloni (con l’80% di precisione nei passaggi), effettuato 3 passaggi chiave (primo giocatore giallorosso in questo dato), prodotto 0,82 xA (anche qui primo romanista per distacco), creato due grandi opportunità per i compagni, fatto 8 cross e tentato 2 dribbling. Riuscendo a realizzare alla fine ben 3 assist vincenti, un evento che in Serie A non accadeva dal 2017.

I dati di Pellegrini contro il Sassuolo (fonte: SofaScore)

Insomma, il nuovo ruolo sulla trequarti che ha ritagliato Fonseca apposta per lui ha dato nuova luce al talento di Pellegrini. Un aspetto da cui ha tratto beneficio tutta la squadra, che ha potuto usufruire di una fonte di gioco di inestimabile valore in questo sistema. Difficile a questo punto pensare che il tecnico portoghese decida di arretrarlo nuovamente sulla mediana nelle prossime partite.

La qualità delle giocate

Va detto comunque che non è stato solo Pellegrini a creare opportunità per i compagni. Infatti, tutta la squadra ha contribuito alla grande qualità e fluidità della manovra offensiva giallorossa, attraverso movimenti e giocate di grande qualità. Cosa che purtroppo contro la Lazio non si era vista.

6 passaggi chiave e filtranti contro la Lazio (fonte: www whoscored.com)
13 passaggi chiave e filtranti contro il Sassuolo (fonte: www.whoscored.com)

Un fatto reso evidente soprattutto dal numero di passaggi chiave e passaggi filtranti effettuati in generale (13), oltre che agli xG totali (2,96) e agli xA totali (2,72) prodotti nel corso dei 90 minuti. Numeri che rendono la Roma una delle primissime squadre dell’ultima giornata di Serie A per mole di gioco creata, insieme a Bologna, Atalanta, Fiorentina e Napoli.

Gli xG e gli xA della Roma contro il Sassuolo (fonte: www.understat.com)

I migliori giocatori giallorossi in tal senso sono stati Kolarov, Mkhitaryan, Zaniolo e Veretout, oltre a Pellegrini ovviamente. Tutti però hanno contribuito a questo risultato, sviluppando un gioco corale con brillantezza e qualità. Un fatto per nulla scontato alla terza giornata di campionato con un nuovo allenatore.

Conclusione

Possiamo tranquillamente dire quindi che la Roma è cresciuta tantissimo dalla prima gara contro il Genoa. Il merito è stato soprattutto di alcuni accorgimenti tattici attuati da Fonseca e degli innesti dei nuovi acquisti messi in campo contro il Sassuolo, che hanno permesso alla squadra di esprimersi al meglio.

Paulo Fonseca

Ovviamente il processo di crescita non è minimamente finito. Sono ancora tanti i difetti mostrati dai giallorossi anche nell’ultima partita, su cui il tecnico portoghese dovrà lavorare per forza a lungo a Trigoria. Resta però la sensazione di una squadra viva, molto recettiva rispetto alle idee dell’allenatore e con una grande voglia di migliorare tutti insieme.

Accanito tifoso giallorosso, amante dell'arte e del complottismo di massa. Scrittore per puro diletto personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *