Lavagna tattica

Roma – Viktoria Plzen: una notte da campioni

Data Astrale 95754.75 (03/10/2018 ore 16:00)

Prima partita casalinga della Roma contro il Viktoria Plzen capolista in campionato e con un punto nel girone di UCL frutto del pareggio per 2-2 contro il CSKA.

Di Francesco deve fare a meno di Pastore e De Rossi infortunati a cui si aggiunge il forfait dell’ultima ora di Manolas vittima di influenza al suo posto Juan Jesus, a riposo anche Santon.

Schieramenti:

Nonostante l’undici mandato in campo faccia pensare ad un classico 433, il mister opta ancora una volta per il 4-2-3-1 con Olsen tra i pali; Florenzi, Fazio, Juan Jesus e Kolarov compongono la linea difensiva; Cristante e Nzonzi sono lo schermo di centrocampo; Under, Pellegrini e Kluivert agiscono alle spalle di Dzeko.

A specchio il Plzen, Mister Vrba si presenta con Kozacik; Reznik, Hejda, Hubnik e Limbersky in difesa; Prochaska, Hrosovsky a centrocampo; Zeman, Horava, Kovarik dietro al bomber Krmencik.

Note tattiche:

La Roma fin dai primi minuti ripresenta molti dei temi tattici già visti con Frosinone e Lazio ma fa tutto con maggior intensità ed applicazione.

In fase difensiva e di non possesso si conferma il 4-4-1-1 già visto pochi giorni fa, Under e Kluivert devono garantire copertura e raddoppi sulle fasce mentre Pellegrini pressa in avanti e aiuta il centrocampo.

schieramento difensivo

la fase difensiva con Under e Kluivert impegnati nella linea a 4

In fase offensiva, appena si recupera palla, Under e Kluivert devono avanzare e stringersi mentre è demandato ai 2 terzini Florenzi e Kolarov dare ampiezza alla manovra, in tutto questo Pellegrini diventa facilitatore e rifinitore; e a lui che si appoggiano in verticale Nzonzi e Cristante ed è sempre lui che va a completare sia a destra che a sinistra i triangoli offensivi

triangolo offensivo sinistro

Triangolo offensivo sinistro composto da Kluivert, Kolarov largo e Pellegrini in appoggio

triangolo offensivo destro

Triangolo offensivo destro: Florenzi, Under e Pellegrini in appoggio

Il lavoro di Lorenzo Pellegrini è mostruoso, funge da appoggio, aiuta i compagni e rifinisce, una partita la sua eccellente da ogni punto di vista, nonostante la tripletta di uno spietato Dzeko, che approfitta da bomber vero delle carenze difensive dei cechi, la palma di migliore in campo spetta senza alcun dubbio a Lorenzo.

HeatMap Pellegrini

La Heat Map di Pellegrini conferma il suo essere uomo ovunque (fonte whoscored.com)

La Roma, tutta, fa una delle migliori prestazioni che io ricordi anche al netto delle mancanze altrui, il terzo gol è la sintesi di questa serata: Cristante protegge un pallone e lo pulisce in direzione di Kolarov che avanza, Kluivert allunga sulla sinistra portando via un uomo dalla zona centrale nella quale Dzeko arretra e va ricevere; nel mentre Pellegrini si è avvicinato al bosniaco in zona di trequarti e Under sul lato opposto ha cominciato il movimento ad attaccare l’area di rigore; Lorenzo riceve da Dzeko, controlla, aspetta che la difesa collassi su di lui quindi infila il pallone tra centrale e terzino con tempi perfetti per Under che mette in rete, un gol meraviglioso tanto dal punto di vista tecnico quanto dal punto di vista della costruzione.

Cristante ricopre lo stesso ruolo ricoperto da De Rossi nelle ultime due gare, con Nzonzi si scambiano moltissimo andando, praticamente ad occupare a turno le stesse zone di campo, come dimostrano chiaramente le immagine qui sotto.

HeatMap Cristante

HeatMap Cristante (fonte whoscored.com)

HeatMap Nzonzi

HeatMap Nzonzi (fonte whoscored.com)

La differenza è di interpretazione, mentre De Rossi ricerca maggiormente l’intercetto, Cristante aggredisce gli avversari e cerca il contrasto; con 6 contrasti all’attivo ha più del doppio dei contrasti vinti rispetto ad ogni altro giocatore giallorosso, è anche il giocatore con più chilometri percorsi e quello con più duelli individuali vinti.

I dati di Bryan Cristante

I dati di Bryan Cristante (fonte asroma.com)

Le uniche pecche, se così si possono chiamare, in fase difensiva vengono da destra dove la catena Florenzi – Under votata all’offesa si fa infilare in un paio di occasioni. Nonostante ciò lasciamo solamente 0.3 xG ai nostri avversari contro i 2.6 creati, legittimando così una vittoria mai in discussione.

xG

xG (fonte Michael Caley)

Le sostituzioni nel finale non cambiano l’assetto tattico, neanche Schick per Under, il ceco infatti va a posizionarsi sull’esterno destro d’attacco.

Conclusioni:

La Roma ha continuato nel solco tracciato dalle sfide contro Frosinone e Lazio, migliorando al contempo movimenti e condizione fisica.

Il modulo a doppio mediano funziona e consente un uso più razionale della rosa, per il ruolo davanti alla difesa hai Nzonzi, De Rossi e Cristante (con il plus che potrebbe essere Kolarov) mentre nel ruolo di incursore/rifinitore hai Pastore e Pellegrini oltre che il giovane Zaniolo.

Di Francesco ci ha messo un po’ a trovare la quadra ma le sue parole nel post gara fanno presagire che da qui in poi si continuerà ad insistere sul 4-2-3-1.

Ultima nota: fa impressione vedere la Roma in una gara di Champions League con in campo simultaneamente 3 ragazzi di 19 anni, una speranza per il futuro giallorosso.

Forza Roma

Lunga Vita e Prosperità

Nato su Vulcano, arrivato sulla Terra, innamorato della Roma. Cerco di analizzarla con Logica e Razionalità. Accetto discussioni solo se frutto di ragionamento. Lunga Vita e Prosperità.

2 Comments

  1. GIORGIO GUIDI Reply

    Mi piacciono le vostre analisi tattiche. Mi servono per capire le varie fasi della partita ed in generale per capire il perchè di varie situazioni della partita.
    Però mi mancano le basi. Scusate la mia ignoranza, ma “Nonostante ciò lasciamo solamente 0.3 xG ai nostri avversari contro i 2.6 creati” che vuol dire? Che significa lasciare 0.3xG?
    Grazie per aiutarmi a capire!

    1. Romanista Razionale Post author Reply

      Ciao, gli xG sono una metrica che “pesa” le conclusioni verso la porta in base alla loro pericolosità; letteralmente sta per eXpected Goals (goal attesi).
      Praticamente il numero di gol che avresti dovuto fare in riferimento alle conclusioni effettuate una spiegazione più esauriente la trovi qui.
      Spero di essere stato utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *