tomiyasu roma

Tomiyasu, un samurai per la Roma

Nonostante le tante incognite che accompagnano la ripresa e il futuro del calcio, tra cui i cambiamenti che l’intero sistema subirà a livello economico e finanziario, la Roma ha l’arduo compito di proseguire il percorso intrapreso negli ultimi anni, in perenne equilibrio tra le esigenze di bilancio e la necessità di mantenere comunque una certa competitività, specialmente in ottica europea. In tal senso, con i dubbi legati alla permanenza di calciatori fondamentali per raggiungere tali risultati, il club è chiamato a muoversi sul mercato ricercando profili giovani e non eccessivamente costosi in termini di ingaggio, ma comunque di buon livello e, soprattutto, di sicure prospettive. Con il futuro di Smalling tutto da definire e l’urgenza di ristrutturare la difesa, la Roma sembra aver messo gli occhi sul talento giapponese Takehiro Tomiyasu, attualmente in forza al Bologna. Ma chi è, e soprattutto, come gioca Tomiyasu?

Takehiro Tomiyasu nasce a Fukuoka il 5 novembre del 1998, e fin da piccolo pratica diversi sport, tra cui anche il calcio. Cresciuto nel settore giovanile dell’Avispa Fukuoka, debutta da professionista nel 2015, ad appena 16 anni. Titolare già a 18 anni in seconda divisione giapponese, con la maglia del Fukuoka Tomiyasu raccoglie complessivamente 56 presenze e 1 gol, facendosi notare come uno dei migliori prospetti del calcio nipponico. A gennaio del 2018 passa dunque al Sint-Truiden, club della Jupiler League, la massima divisione belga, ma controllato proprio da un’azienda giapponese che, di conseguenza, investe molto su calciatori provenienti dal Sol Levante. Dopo i primi mesi di ambientamento in Europa, Tomiyasu si conquista un posto da titolare nella stagione 2018/2019, collezionando 40 presenze e 1 gol, mettendo in mostra le proprie qualità e rispettando le attese riposte in lui.

Nel frattempo, dopo aver fatto tutta la trafila nelle Nazionali giovanili fin dall’Under-17, il 30 agosto del 2018, Tomiyasu riceve la prima convocazione in Nazionale maggiore e debutta il successivo 12 ottobre, a 19 anni, in una gara amichevole contro Panama. Le ottime prestazioni in terra belga gli valgono la convocazione per la Coppa d’Asia 2019, in cui il giovane difensore gioca sempre ad alti livelli e segna anche il suo primo gol in Nazionale, peraltro decisivo, nell’ottavo di finale contro l’Arabia Saudita. Con la maglia dei Samurai Blue Tomiyasu gioca anche la Copa America 2019, che il Giappone, come il Qatar, gioca da squadra invitata. Complessivamente, dunque, Tomiyasu vanta già 18 presenze e 1 gol in Nazionale.

Grazie alle ottime prestazioni con le maglie del Sint-Truiden e del Giappone, Tomiyasu finisce presto sui taccuini di tantissimi osservatori in giro per l’Europa. Tra questi c’è Walter Sabatini, che, a luglio del 2019, sborsa 9 milioni di euro per portarlo a Bologna. Già ampiamente adattatosi al calcio europeo, Tomiyasu diventa subito titolare fisso dei rossoblu, con cui esordisce il 18 agosto in Coppa Italia, nel 3-0 rifilato al Pisa; e una settimana dopo in Serie A, nel pareggio per 1-1 contro l’Hellas Verona al Bentegodi. Vittima di un infortunio muscolare nella seconda metà di ottobre, resta lontano dai campi per circa un mese, ritrovando il campo contro il Parma, lo scorso 24 novembre. Fino alla sospensione del campionato, con la maglia rossoblu Tomiyasu raccoglie 20 presenze, 2 assist e 5 ammonizioni, mettendosi ulteriormente in evidenza.

Difensore centrale di ruolo, Tomiyasu può agire anche da terzino destro, come fa abitualmente al Bologna, e da mediano davanti alla difesa, in virtù delle sue ottime caratteristiche, sia fisiche e tecniche. Nonostante i 188 cm di altezza, che comunque lo portano a essere un ottimo elemento nel gioco aereo, Tomiyasu è agile e veloce, specialmente in allungo. Oltre che bravo nei recuperi, Tomiyasu spicca per la capacità di leggere il gioco e giocare spesso d’anticipo, interrompendo con grande pulizia le trame avversarie. Ambidestro naturale, ha una buona propensione all’impostazione, sia sulla corta che sulla lunga distanza, dimostrando anche una buona visione di gioco, oltre a una grande disciplina tattica. Pur essendo forte nel posizionamento mostra ancora qualche lacuna in marcatura, ma, a neanche 22 anni, Tomiyasu ha ancora ampi margini di miglioramento, e proprio per questo sarebbe un colpo ideale per la Roma che verrà. 

 

(fonte dati: Transfermarkt)

Amo la Roma e l'informazione fatta bene. Per questo vorrei fare bene informazione sulla Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *