fascia destra roma

5 nomi per la fascia destra della Roma

L’ultimo segmento dello strano campionato appena concluso ha regalato una Roma più che buona, dopo un inizio 2020 e una ripartenza davvero da incubo. Il merito del cambio di rotta è da attribuire in gran parte a Paulo Fonseca, bravo a disegnare un assetto tattico più adatto alle caratteristiche e al momento dei calciatori in rosa. Tra i quali spicca senza dubbio la vera sorpresa del 2020 giallorosso: Bruno Peres. Il brasiliano si è preso la fascia destra della Roma a suon di prestazioni, certo, ma anche perché le alternative, da quella parte, scarseggiano. Spinazzola si trova meglio a sinistra, pur essendo destro, mentre Zappacosta, che è un terzino piuttosto classico, lì non ha mai convinto.

Se Fonseca manterrà l’attuale impostazione anche nella prossima stagione, la mancanza di veri esterni di centrocampo apre una voragine sulla fascia destra che va necessariamente riempita. Bruno Peres potrebbe restare, ma da sostituto; Zappacosta probabilmente andrà via; Florenzi, che tanti auspicano di (ri)vedere in quel ruolo, anche. Ecco, allora, 5 nomi di calciatori che potrebbero fare al caso di una Roma schierata con il 3-4-2-1. Dei cinque, due sono prospetti e tre calciatori già pronti, rigorosamente di piede destro ed elencati in ordine di valutazione.

Il primo nome è quello di Sergiño Dest, statunitense classe 2000 in forza all’Ajax. Prodotto del settore giovanile dei Lancieri, è un terzino offensivo dotato di grande corsa e ottima tecnica. In breve, un terzino che interpreta il ruolo in modo estremamente moderno, e che potrebbe essere avanzato senza essere snaturato. Anche perché, va detto, Dest pecca sotto il profilo fisico e deve sicuramente migliorare nella fase difensiva. La giovane età e il talento ne fanno comunque un talento estremamente appetibile per la fascia destra della Roma. Peccato però che sia uno dei prospetti più interessanti del calcio europeo, e che tante big gli abbiano già messo gli occhi addosso. E l’Ajax, notoriamente bottega cara, difficilmente se ne priverà a cuor leggero, visto anche il contratto in scadenza nel 2022. La valutazione di 18 milioni assegnatagli da Transfermarkt è destinata a lievitare sensibilmente, ma sarebbe stato impossibile non includerlo in questa lista.

Il secondo prospetto è Jayden Bogle, inglese classe 2000 del Derby County. Cresciuto calcisticamente con i Rams, anche lui è un terzino moderno, molto veloce e piuttosto tecnico, più propenso alla fase offensiva che a quella difensiva, che comunque non disdegna. Più pronto del collega statunitense dal punto di vista fisico, è sicuramente meno talentuoso e potrebbe avere bisogno di tempo per sgrezzarsi, provenendo da un campionato duro ma non di livello come la Championship inglese. Le caratteristiche fisiche e tecniche lo rendono comunque un calciatore che potrebbe essere trasformato in un buon esterno di centrocampo, ruolo in cui è già stato adattato in passato, sgravandolo così dei difficili compiti difensivi richiesti in Serie A. La valutazione riportata da Transfermarkt si aggira sui 6,5 milioni, dunque decisamente alla portata della Roma, nonostante il contratto in scadenza nel 2022.

Passando dai prospetti ai calciatori già pronti, il terzo nome è quello di Stefan Lainer, austriaco classe 1992 del Borussia Monchengladbach, affrontato proprio in questa stagione dalla Roma in Europa League. Prodotto del settore giovanile del Red Bull Salisburgo, in quanto tale è un calciatore che può coprire senza problemi tutta la fascia destra, pur essendo terzino di formazione. Veloce e dotato di buona tecnica, è sicuramente un profilo più difensivo dei due precedenti, ma comunque molto propenso a spingersi in avanti, in proiezione offensiva, come mostrato nel sistema messo a punto da Marco Rose. Negli ultimi anni è stato spesso accostato al Napoli, ma l’affare non è mai andato in porto. Ormai all’apice della maturità calcistica, sarebbe un colpo interessante per la fascia destra della Roma, considerata anche una valutazione che si aggira sui 15 milioni. Un ostacolo non indifferente potrebbe essere invece il contratto in scadenza nel 2024.

Rimanendo in Germania, citiamo Karim Bellarabi, tedesco classe 1990 in forza al Bayer Leverkusen dal 2013. Un calciatore che, per qualche anno, si è segnalato come un esterno offensivo tra i più interessanti d’Europa, guadagnandosi anche la maglia della Nazionale. Poi, però, proprio come la sua squadra, anche Bellarabi è calato al punto da scomparire dai radar del grande calcio europeo. È rimasto tra le “aspirine”, arretrando progressivamente il proprio raggio d’azione fino a trasformarsi, di fatto, in un esterno di centrocampo utile in entrambe le fasi, anche se mai a livelli stratosferici. Le qualità, però, ci sono e, a 30 anni, potrebbe essere il momento di cambiare aria. Magari ritrovando un po’ dell’antica brillantezza in un sistema che esalta le qualità offensive degli esterni. Non sarà il calciatore da salto di qualità, ma la valutazione di circa 12 milioni e, soprattutto, il contratto in scadenza nel 2021, lo rendono un obiettivo alla portata della Roma.

Per ultimo, il nome che meno di tutti farebbe infiammare la piazza, ma non per questo da sottovalutare. Si tratta di Marco Faraoni, classe 1991, in forza all’Hellas Verona sorpresa della Serie A 19/20. Originario di Bracciano, prodotto delle giovanili della Lazio, è un terzino destro che può giocare anche a sinistra, ma anche essere spostato più avanti, sulla linea del centrocampo. Un calciatore che abbina buona qualità a tanta quantità, tanto lavoro oscuro ma preziosissimo, a maggior ragione se impiegato in un sistema che spesso lascia qualcosa in fase difensiva. Reduce dalla miglior stagione di una carriera che l’ha portato a girare tanto senza trovare grandi soddisfazioni, potrebbe sfruttare la sua grande occasione in una Roma che non potrà permettersi spese folli, ma allo stesso tempo dovrà incamerare calciatori validi. E Faraoni, con una valutazione intorno ai 3,5 milioni e un contratto in scadenza nel 2022, potrebbe essere un buon acquisto.

(fonte valutazioni: Transfermarkt)

Amo la Roma e l'informazione fatta bene. Per questo vorrei fare bene informazione sulla Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *