Cronaca Sbagliata di Empoli-Roma 0-2

Roma che si presenta al Castellani dopo una serie di 3 vittorie consecutive, anche con avversari molto modesti come Frosinone, Frosinone azzurro e Viktoria Plzen.

Di Francesco schiera Olsen tra i pali, Pellegrini terzino sinistro al posto di Kolarov, ancora impegnato a fecondar laziali, Manolas e Fazio centrali, Santon a destra.

De Rossi e Nzonzi a centrocampo a far sentire a proprio agio Capezzi e Bennacer.

Il trio dietro la punta vede El Shaarawy a sinistra, Pellegrini trequartista e Under secondo portiere in caso di bisogno.

Odino unica punta.

Piccola curiosità statistica: non si vedevano così tanti Pellegrini da ste parti dai tempi del derby.

Al secondo minuto Caputo riceve palla appena fuori area, vede un compagno in ottima posizione ma non lo serve, poi guarda Baldissoni e je fa l’occhietto.

Ventiduesimo: Nzonzi toglie palla a Capezzi, il gioco si ferma 3 minuti per consentirgli di slegarselo dal cazzo.

Trentacinquesimo: Bennacer fa fallo su Santon, ammonito.

Trentaseiesimo: Calcio di punizione, Pellegrini la mette alta in area di rigore, Nzonzi se alza che pare n’incrocio tra Pruzzo e la bandierina del guardalinee de Immobile, la tocca quel tanto che basta e porta la Roma in vantaggio.

Quarantaduesimo: inizia la partita su Dazn.

Cinquantunesimo: punizione per l’Empoli, batte Bennacer, palo…con Santon, due Pellegrini, Pastore, Jesus e Cristante in rosa me pare il minimo.

Cinquattottesimo: Palla in area della Roma, grande parate di Under con la mano di richiamo.

Cinquantanovesimo: L’arbitro va al Var per dare tempo a Caputo di accordarsi con Olsen su dove avrebbe tirato il rigore, alla fine concludono che la cosa migliore sia calciarlo in curva, anche per regalare un pallone ai tifosi toscani.

Settantateesimo: La partita si fa complicata, Eusebio corre ai ripari invocando le forze divine: dentro Cristante e Jesus.

Ottantesimo: Palla gol per Caputo, il resto lo sapete.

Ottantaduesimo: Immobile in fuorigioco.

Ottantacinquesimo: Palla in area per Odino che scavalca il portiere e provoca erezioni spontanee in tutta Roma.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.