Cronaca Sbagliata di Gladbach-Roma 2-1

Roma che vola in Germania per il quarto turno del girone di Europa League.
Pau Lopez a difendere i pali dal temibile Fazio.
Difesa con Santon a destra pe poté parcheggià il pullman della squadra sul posto disabili, Kolarov a sinistra.
Al centro Smalling a nun capì chi so l’amici e chi i nemici e Fazio che da solo vale gol e over 1,5.
A centrocampo un Veretout in una de quelle serate in cui fa i doppi passi usando il cazzo e Mancini, più nervoso de Zeman che trova er tabaccaio chiuso.
Zaniolo e Kluivert esterni alti, utili quanto le mutande per Jugovic.
Trequartista Pastore più in crescita delle dimensioni delle narici de Jerry Calà.
Dzeko unica punta, ma io avrei messo Fazio.

Minuto 1: Smalling presenta all’arbitro una sua radiografia che testimonia la presenza di 2 sole mani ed una testa.
Minuto 7: Santon ha la tecnica di un copridivano abbinata all’intelligenza de Sara Tommasi.
Minuto 23: Pastore je la mischia così tanto a Zakaria che a fine partita sulla maglia c’era scritto Karazia.
Minuto 35: Fazio raccoglie un passaggio in area di Thuram e porta in vantaggio il Borussia.
Minuto 36: Complimenti a Fazio che in una settimana caratterizzata da problemi di razzismo decide di omaggiare così Paolo Negro.
Minuto 45: Mancini fa talmente tante entrate a cazzo che più che Gianluca pareva Antonio.
Minuto 60: Monchengladbach in tedesco significa: “Lazio merda”.
Minuto 65: Cross di Kolarov, Fazio segna di nuovo!
Minuto 66: Fazio non sa verso quali compagni correre per esultare.
Minuto 77: Entra Under che si rivelerà utile quanto il tasto della lettera h sulla tastiera dei laziali.
Minuto 80: Entra Perotti, con la voglia de na sedicenne quando un cinquantenne je chiede la foto dei piedini.
Minuto 85: Entra Bensebaini, é la prima presenza di un pokemon nella storia dell’Europa League.
Minuto 94: Thuram di testa batte Pau Lopez e corre verso Fazio per esultare insieme.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.