Cronaca Sbagliata di Roma-Fiorentina 2-2

Per la trentesima giornata di Serie A, allo stadio Olimpico la Roma ospita la Fiorentina.
Ranieri si presenta con Olsen, autore della sua miglior prestazione stagionale, seduto sul terzo seggiolino da sinistra.
Mirante in porta, Santon a destra che vince il ballottaggio con Karsdorp per aggiudicarsi il lettino vicino alla finestra a Villa Stuart, Kolarov a sinistra.
Per scegliere i centrali il mister ha preso troppo alla lettera il fatto che “Sto Fazio lo pó aiutá solo Jesus”.
A centrocampo un Cristante, che forse non tutti sanno essere cognome di origine greca dove Crist=Mannaggia la troia ed Ante=perché nun tiri mai che c’hai na botta de Cristo?.
Vicino a lui Zaniolo e uno Steven Nzonzi in versione Paolo Belli al Derby del cuore.
Davanti spazio a Justin “Roger de American dad” Kluivert e Perotti dietro ad uno Dzeko in una di quelle serate in cui se trova na palla sulla linea da spinge dentro casca un metro prima, sbatte la testa sul palo e va in coma.
Minuto quarto: Benassi in area a botta sicura, Mirante la prende con le mani, i calciatori della Roma, non più abituati a questa eventualità lo insultano credendo sia calcio di rigore.
Dodicesimo: Angolo per la Fiorentina, Kolarov salta col collo infilato nelle spalle, Pezzella fa 1-0
Quattordicesimo: Lancio “vibramutande” de Dzeko per Kluivert, cross, Zaniolo de testa pareggia.
Ventesimo: Tiro di Muriel da Viale Angelico, palo.
Ventiduesimo: Jesus sembra un supplí con le gambe.
Trentesimo: Nzonzi augura a tutti buon Natale 2015
Cinquantunesimo: Kluivert pia un sombrero che pare Nedved, palla a Gerson fuori area che tira, é un ex, il resto non serve manco dillo.
Cinquantasette: Bacetto de Kluivert per Perotti che calcia di collo alle spalle di Lafont, nota statistica, quello del piede é l’unico collo apprezzabile de Perotti.
Sessantadue: Entra Chiesa, che bello il duello con Jesus.
Sessantotto: Karsdorp sostituisce uno che esce per infortunio, sembra na barzelletta lo so.
Settantatre: Nzonzi augura a tutti buon 2016.
Ottanta: Entra Frigatti per premiare il centesimo cross basso di Kolarov bel 2019.
Ottantadue: Centouno.
Ottantasei: Centodue.
Novanta: Petagna su rigore, ah no aspè, è n’artra partita.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.