Cronaca Sbagliata di Roma-Genoa 1-0

Roma che ospita la squadra campione d’Italia del 1915, con un ricco passato nella serie cadetta, allenata da Ballardini, capitanata da Pandev e con in porta Marchetti.
Ah no é il Genoa scusate.
A difendere la porta della Roma Pau…no non ce riesco a di sta cosa, me rifiuto.
In difesa torna Smalling, prima di Pastore, chi lo avrebbe mai detto.
Vicino a lui Mancini in copertura su Destro per dare un senso di equilibrio e stabilitá alla cosa.
Braccetto sinistro Cristante, così, de botto, senza senso.
Sulla corsia destra Karsdorp, in un periodo de forma talmente esagerato che se inizia a cantá sotto la doccia je se presentano i Maneskin a casa a consegnaje er trofeo de Sanremo.
A sinistra Bruno Peres, per rimanere in tema Sanremese piú fuori luogo de Aiello quando ha iniziato a strillá a cazzo.
I centrali sono Lorenzo Pellegrini, o come piace chiamarlo a me “dod é iddostro capitano gnegnegne” e Diawara, piú in crescita della massa grassa de Orietta Berti.
Pedro sulla trequarti, piú in calo delle tette de Orietta Berti.
El Shaarawy accanto a lei, più pieno de lacca dei capelli de Orietta Berti.
Borja Mayoral centravanti, a vedé meno palle de Orietta Berti.

Minuto 1: Ogni volta che qualcuno chiama Ghiglione, per abitudine se gira pure Bruno Peres.
Minuto 3: Menzione per il ritorno all’Olimpico de Strootman. Ha fatto prima de Pastore. Per dire…
Minuto 18: Ridateje lo Scudetto der 15, usurpatori.
Minuto 24: Angolo di Pallegrini, Mancini poggia na palla in testa a Masiello ed una in testa a Criscito e deposita in rete.
Minuto 25: Masiello e Criscito non protestano, avevano giocato l’uno primo tempo.
Minuto 36: Menzione anche per il ritorno di Destro all’Olimpico, o come veniva soprannominato dai tifosi allo stadio: “Mortaccitua”.
Minuto 46: Entra Cassata, Jesus dalla panchina chiede di entrare.
Minuto 54: Menzione anche per il ritorno all’Olimpico di Zappacosta.
Chi indovina prima di chi é rientrato vince una action figure de Luca Pellegrini.
Minuto 60: Entra Gonzalo Villar, mi moje capisce come andrá a finí e se slaccia il reggiseno.
Minuto 61: Villar stoppa il pallone e salta secco Zajc. Mi moje se toglie i pantaloni.
Minuto 70: Masiello rende il bodyshaming una deliziosa abitudine descrittiva.
Minuto 76: Entra Scamacca, uscito direttamente da na puntata de Gomorra.
Minuto 86: Entra Fazio, proprio a faje capí a Ballardini che se volemo la vincemo pure in 10.
Minuto da 90 a 95: Si peró dai un pallone pure a loro Loré, così é maleducazione.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.