Cronaca Sbagliata di Roma-Udinese 1-0

Udinese che si presenta all’Olimpico allenata da Igor “ShhhQuattroACasa” Tudor.
La Roma scende in campo con Mirante tra i pali, i due terzini sono Jesus, che peró é a mezzo servizio dato le incombenze Pasquali, e Marcano.
Al centro Manolas a marcare Okaka, Fazio e Lasagna.
I centrocampisti sono Cristante, un De Rossi con due palle che pare Babbo Natale che porta er sacco, e Zaniolo, costretto a torná a casa cor 5 dato che alla mamma j’hanno fatto la Mini.
Davanti El Shaarawy in una de quelle serate in cui er kebab alla carbonara je rompe er culo, uno Schick che tocca meno palle della gente quanno passa Emerson ed Odino Dzeko che l’ultima volta che aveva segnato all’Olimpico in campionato nun ce stava ancora la copertura.
Minuto 1: Bellissimo gesto della Roma che fa la foto prepartita portando anche la carrozzella de Pastore.
Quinto: Nzonzi pranza.
Dodicesimo: Jesus legge Lasagna dietro la maglietta e prova a mozzicallo.
Ventesimo: Schick riesce a non prende manco le gocce d’acqua che scendono copiose.
Trentesimo: Okaka senza Pit se sente spaesato.
Quarantesimo: Piove talmente forte che pe n’attimo appare Cataldi vestito de bianco che benedice il campo.
Quarantacinquesimo: Jesus esce pe preparasse alla resurrezione de Domenica.
Cinquantesimo: Florenzi galoppa sulla fascia tenendosi a galla con le braccia.
Cinquantottesimo: Mirante c’ha un mezzo ictus, De Maio è buono de cuore e la appoggia sul palo.
Sessanta: Migliore azione di Schick della partita che si alza dalla poltroncina centrale e si accomoda in una più comoda.
Sessantasette: Assist de El Shaarawy da durello perpetuo, Odino riceve ed appoggia dietro a Musso, 1-0.
Sessantotto: Uno daa Riomma stava per terra, l’Udinese s’era fermata, era forigioco, aabbanga, gomblotto, aa massoneria der Delaware.
Settanta: De Rossi se fa male, altri 2 infortuni e dovranno amplià er Gemelli e fa un reparto solo pe noi.
Settantasei: Nzonzi finisce de pranzá.
Settantotto: Rigore pe er Milan, ah no.
Settantanove: Rigore pe er Milan, oh noooo.
Novanta: Che bello torná alla macchina dopo na vittoria godendose la vista del Lungomare Flaminio. Novantuno: Piccola curiosità: l’ultima volta che la Roma aveva tenuto la porta inviolata per due partite consecutive in porta c’era Ginulfi.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.