Cronaca Sbagliata di Viktoria Plzen-Roma 2-1

L’ultima giornata dei gironi di Champions League offre alla Roma una sortita in Repubblica Ceka, con la possibilitá di riportare Schick a casa, magari tornando a Roma di soppiatto e facendo finta di averlo dimenticato li…

Piccola curiosità statistica: Con questa presenza, la numero 1 per lui, Mirante supera nella speciale classifica delle presenze nella massima competizione continentale moatri sacri come Milinkovic Savic, Acerbi, Strakosha e Cataldi.

Davanti a lui la coppia centrale é formata da Manolas ed Ivan “CredevateDeNunPotéFaPeggioDeVermaelenÈ?” Marcano.

I terzini sono un Santon in versione Don Guanella ed il serbo di cui non possiamo fare il nome perché nun é d’accordo.

Steven Nzonzi a dettare i tempi della partita (che per l’occasione durerá fino a Giovedí prossimo) con Cristante in mediana.

Kluivert, Pastore ed Under a formare un trio dietro la punta che ai piú esperti ha ricordato nelle movenze un altro grande trio, Tozzi Morandi Ruggeri.

Unica punta Patrik “Speriamo De Avecce Ancora Lo Scontrino” Schick.

Ottavo minuto: Nzonzi capisce quali semo noi.

Dodicesimo: Pastore va al tiro da due metri fuori area, palla che per poco non arriva in area.

Ventunesimo: Schick prende palla a metá campo, la stoppa, cade, si rialza, fa un metro e cade ancora, si sistema i pantaloncini, vomita, gira su se stesso e ricade.

Ventiquattresimo: Pastore torna a metá campo da tiro precedente.

Trentesimo: Schick prende palla e parte, punta un uomo, finta, controfinta, sbatte sull’uomo.

Quarantesimo: Punizione dal verice corto dell’area di rigore per la Roma, un solo uomo in barriera e 156 metri quadrati di campo libero, batte Pastore. Centra l’uomo in pieno.

Cinquantaseiesimo: Il mister si accorge di aver messo Pastore, esce ed entra Zaniolo.

Sessantaduesimo: Gol di un ceko…no, non Schick.

Sessantottesimo: assist di Santon e Under la mette all’angolino basso, pareggio della Roma che durerá quanto 2 grammi in mano a Umberto Smaila.

Settantaduesimo: Tiro dei ceki, respinge Mirante, gol di un altro ceko, ma manco questo é Schick.

Settantacinquesimo: Marcano in area nostra prova a dribblare due avversari e la perde, vorrei chiedere scusa a Santa Caterina per le offese che le ho rivolto.

Ottantesimo: Entra Luca Pellegrini.

Novantesimo: Esce Luca Pellegrini.

Novantaquattresimo: Agli ottavi de finale per fortuna non avremo i ceki…ah no, aspé…uno si, cazzo!

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.