Cronaca Sbagliata Roma-Spal 0-2

Allo Stadio Olimpico va in scena Roma-Spal.

La Roma si presenta con Olsen a difendere i pali, Florenzi a destra, Marcano e Fazio al centro a prová a far fare almeno un gol a Petagna, impresa complicata ma fattibile con impegno e dedizione.

Luca Pellegrini a sinistra, non una grande idea vista la relazione clandestina con la moglie dell’arbitro.

A centrocampo Nzonzi e Pellegrini in copertura a uomo su Cristante che avrá comunque la meglio.

Davanti Under, El Shaarawy e lo zio de Dzeko in vacanza dalla clinica.

Minuto 1: L’arbitro é costretto ad interrompere subito la partita visto l’errore sul tabellone che al posto di Spal vedeva scritta Lazio, errore comprensibile date le molte similitudini tra le due compagini.

Ottavo: Cristante chiede indicazioni al mister della Spal su dove posizionarsi quando la palla ce l’ha la Roma.

Dodicesimo: Sky smette di inquadrare la barba oscena di Petagna.

Trentasettesimo: Luca Pellegrini accarezza Lazzari in area di rigore, l’arbitro pensa al figlio con gli stessi occhi del bel Luca e concede rigore, giusto!

Trentottesimo: Petagna segna su rigore, piccola curiositá statistica: l’ultimo gol in A di Petagna era coinciso con la breccia di Porta Pia.

Cinquantatreesimo: Palla a Dzeko data con un bacetto da El Shaarawy, Odino ci arriva in allungo e contro qualsiasi legge della fisica riesce a metterla fuori dallo specchio, bello sgarbo morale per i poveri Einstein, Darwin e Galileo.

Cinquantaseiesimo: Angolo per la Spal, palla in area, media altezza della Roma 2 metri e cinque centimetri, ma anche saltando allo stremo delle forze, Fazio, Marcano, Nzonzi, Dzeko, Cristante e compagnia saltante, la prende tale Bonifazi e la mette in porta.

Piccola curiositá statistica: L’ultimo gol di testa della Spal coincise con l’anima delli mortacci vostra.

Sessantesimo: Fuori Cristante tra gli applausi dei tifosi della Spal.

Settantacinquestimo: Espulsione per l’unico Milinkovic Savic in grado di fare punti con la Roma in questa stagione fino ad ora.

Piccola curiositá statistica: L’ultima espulsione per Milinkovic Savic coincise con mortacci vostra venti minuti in superioritá numerica solo 1 tiro in porta ve devono cascá le palle.

Settantottesimo: Entra Pastore, questo sará lo sforzo piú grande fatto in partita dall’argentino.

Novantesimo: Fine della partita, Roma che perde in casa con la Spal, piccola curiositá statistica: Mercoledí andró in Vaticano a chiedere la santificazione di 8 nuovi beati perché é noioso bestemmiare sempre gli stessi.

Nato nel Delaware per volere della Mafia di Boston, la sua istruzione é stata finanziata coi fondi neri della Massoneria. Il suo sogno nel cassetto é cambiare il cognome in Baldissoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.