Il vero incubo è svejasse Laziali

Me sò addormito nella mia stanza,
più che na camera pare un bunker.
C’ho tutti i poster dei giocatori della Roma
a grandezza naturale.
Sciarpe e bandiere ovunque,
pe non parlà dei cassetti pieni de majette.
E’ da lunedì che non faccio altro che pensà ar derby
e pure stasera, come no stronzo, c’aripenso
soffermandome al pensiero de quanto po esse brutto esse Laziali.
Co sto pensiero ‘nfame m’addormento.
C’è però qualcosa che non va,
me sento strano ma me lascio trasportà dal sonno.

La mattina seguente sento sonà na sveja strana..
“Sò già du ore che …….” . Questa è la soneria.
Apro l’occhi frastornato, santo Dio ma ndo sto?
Me ritrovo in mezzo a due poster, uno de Giannichedda
e uno de Cèsar che soride, co quell’apparecchio ai denti
che me metteva paura solo a vedello.
Ma che m’è successo?
Ndo sta la stanza mia?
Questo deve esse no scherzo del destino,
sta a vede che me so svejato Laziale.

Tutto pare essese fermato al 2013.
Ma che è sta storia? Eppure sta sveglia
poggiata su sto comodino accanto
al santino de Suor Paola dice che stamo nel 2019!
Bho, ‘n ce sto a capì ‘n cazzo!
Me pare de esse diventato il potagonista della pubblicità della Lavazza,
do me giro me giro dentro sta stanza è tutto celeste e bianco.
Ma che sò morto?

A na certa me bussano alla porta,
entra un anziano che prima de parlà se fa serio,
me guarda e me dice: “eh, de padre in figlio”.
Io je sorrido perchè me fa tenerezza ma a na certa
eccolo accanto a me che inizia a raccontamme cose strane:
me parla dei loro 11 anni in B, degli spareggi,
dell’arresto de Cragnotti, degli impicci de Signori e Mauri,
di un derby dove Bastos intervenne in maniera pulita su Kolarov
e di altri dove Tagliavento era l’uomo in più per la Roma.
Me dice che ancora se sogna Simplicio che je fa la linguaccia
e de Ranieri che li pijava per culo ma la cosa che più me faceva ride
è che insisteva sul fatto che so loro che rappresentano Roma
pur chiamandose Lazio.
Insomma, na tragedia.
Pe non parlà de quando co le lacrime all’occhi me parlava de Chinaglia.

Dice che vole annà allo stadio a vede er derby
ma che preferisce la campagna alla città
e che la troppa confusione je da fastidio.
Me sta a di che con l’occasione vorebbe pure fasse na foto ricordo ar Colosseo.
E pensà che quando ero della Roma er Colosseo era come casa mia.
Je piace la campagna e se vede, dice che c’hanno er formaggio bono
e che a Roma ce sta troppo smog. Magari su questo posso pure daje raggione.
Tornando al calcio me sta a dì che vorebbe risentì la musichetta della champions
ma che nun fa niente se non ce sta la Lazio perchè la po’ senti
grazie all’Inter, e che è la stessa cosa perchè so gemellati.
Bho, me sa tanto de stronzata.

Tutto sto strazio me angoscia, sò Laziale da na giornata
e c’ho ‘n ansia addosso che nun ve dico.
Ma perchè proprio a me?
Se stava così bene quando ero giallorosso,
quasi me commuovo ripensando a tutti i momenti belli vissuti.
Certo, me sarebbe venuto voja de pijallo per culo a quel signore
ma pe rispetto ho evitato de aggiungeje altra sofferenza.
Me sarebbe bastato dije: “v’ha segnato pure yanga-binwa“.
Vabbè, me rimetto nel letto e chiudo l’occhi,
sperando de risvejamme Romanista.

La mattina seguente sento un armonioso:
“ao, eccheccazzo su!
Ma che te sei riaddormito pensando ar derby
pure ieri sera?”.
Consapevole de avè vissuto solo un brutto sogno
guardo mi padre e je rispondo:
No pa’, stavolta prima de addormentamme
stavo a pensà a quanto po esse brutto esse Laziali,
e te posso confermà che è proprio vero,
l’incubo peggiore è svejasse Laziali
“.

Classe 87, nato e cresciuto con la Roma nell'anima. Scrivo per passione mettendo il cuore avanti ad ogni singola parola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.