Roma

Cassano Antonio

Antonio Cassano nasce a Bari il 12 luglio 1982. Cresce calcisticamente nelle giovanili della Pro Inter e del Bari. Dopo svariati provini con esito negativo (tra tutti Inter e Parma) è il Bari a puntare sul giovane Cassano. A soli 17 anni, l’allora tecnico dei pugliesi Eugenio Fascetti decide di metterlo in campo contro il Lecce. Nella giornata successiva, contro l’Inter brilla la stella di Cassano, che al minuto 88′ segna un gol da cineteca. Il talento e la classe dell’attaccante barese non passano inosservati ed è la Roma, fresca campione d’Italia, ad aggiudicarselo per 60 miliardi di lire, strappandolo alla concorrenza della Juventus. Tanto pesò la decisione del calciatore di giocare affianco al suo idolo: Francesco Totti.
In coppia con il CapitanoCassano regala giocate spettacolari, assist e reti importanti. In cinque anni Cassano mette a segno 52 reti in 161 presenze. Indimenticabili quelle contro la Lazio all’ultimo secondo (1-1) e la doppietta contro la Juventus con tanto di calcio alla bandierina, uno dei tanti repertori delle famose “Cassanate”, tra cui entrano di diritto le “corna” all’arbitro Rosetti.
Il rapporto con la Roma e soprattutto con la tifoseria, si logora quando rifiuta un rinnovo a 3.2 milioni di euro. A gennaio 2006 accetta l’offerta del Real Madrid, dove andrà a vincere una Liga ma non da protagonista. Arrivato con qualche chilo di troppo, gli fu affibbiato il soprannome “El Gordito”. La sua stella pian piano si oscura ed anche il rapporto con il suo mentore Fabio Capello si incrina, a causa di una sua imitazione.
La parentesi spagnola dura due stagioni e dopo 29 gare e 4 reti, decide di far ritorno in Italia con la maglia della Sampdoria. Con i blucerchiati riemerge il suo talento, ma le “Cassanate” non mancano mai. Il burrascoso rapporto con il Presidente Garrone non giova alla sua permanenza a Genova, così nel 2010 si accasa al Milan. Con i rossoneri vince un campionato ed una Supercoppa Italiana. Il 29 ottobre 2011 accusa un malore e viene operato al cuore, restando fuori dal campo per 6 mesi.
Nel 2012 cambia sponda e passa all’Inter: il primo gol in nerazzurro lo siglerà contro la Roma.
Vivrà un Campionato Europeo da protagonista con la nazionale italiana: in coppia con Balotelli porta gli azzurri in finale, persa poi 4-0 con la Spagna.
In nerazzurro resta solamente una stagione e verrà ceduto al Parma a titolo definitivo nell’ambito dell’operazione che porterà Belfodil in nerazzurro. Con i gialloblu gioca due stagioni, ma il club naviga in brutte acque e Cassano rescinde anticipatamente dopo un duro confronto con società e ultras.
Si riaccasa alla Sampdoria nel 2015, ma anche qui il rapporto con il presidente Ferrero non è ottimale. Il 27 gennaio 2017 rescinde il contratto con la Sampdoria.

Roma
Nome
Cassano Antonio
Nazionalità
itaItalia
Posizione
Attaccante
Squadra di provenienza
Bari
Soprannome
FantAntonio, Peter Pan
Gara di esordio
Roma - Udinese 1-1
Data di esordio
08 Settembre 2001
Costo dell'acquisto
60 miliardi di lire
Data di acquisto
Estate 2001
Altezza
175
Peso
84
Campionati
Champions League, Coppa Italia, Coppa UEFA, Serie A, Supercoppa Italiana
Stagioni
2001/2002, 2002/2003, 2003/2004, 2004/2005, 2005/2006

Champions League

StagioneClubGoalsPresenze
2001/2002Roma05
2002/2003Roma411
2004/2005Roma13

Coppa Italia

StagioneClubGoalsPresenze
2001/2002Roma15
2002/2003Roma15
2003/2004Roma00
2004/2005Roma18
2005/2006Roma00

Coppa UEFA

StagioneClubGoalsPresenze
2003/2004Roma46
2004/2005Roma12

Serie A

StagioneClubGoalsPresenze
2001/2002Roma522
2002/2003Roma927
2003/2004Roma1433
2004/2005Roma931
2005/2006Roma25

Supercoppa Italiana

StagioneClubGoalsPresenze
2001/2002Roma00
Share